Colon irritabile, un aiuto dallo yoga

La disciplina indù serve a diminuire lo stress, che è tra le cause della colite

«In molti casi, la sindrome del colon irritabile è legata a una disfunzione neurofisiologica, accentuata da situazioni di stress», dice Fulvio Palombini (puoi chiedergli un consulto), docente di fisioterapia all’Università La Sapienza di Roma. «Ecco perché lo yoga, con la sua azione rilassante, può essere di grande aiuto».
Aggiunge il neurochirurgo funzionale Sergio Canavero, direttore del Gruppo avanzato di neuromodulazione di Torino: «La meditazione yoga agisce su alcune aree del cervello, come il
cingolo e i giri orbitali, che hanno un’azione diretta sull’amigdala e l’ipotalamo, a loro volta in grado di controllare la motilità della parete intestinale, e di mitigare l’attività infiammatoria».

Prove scientifiche. Nel 2006 i ricercatori della Medical School della British Columbia University di Vancouver, in Canada, dopo aver sottoposto 25 adolescenti soggetti a sindrome del colon irritabile a quattro settimane di pratica yoga, sono giunti alla conclusione che esercizi di meditazione e asana contribuiscono a ridurre l’intensità dei sintomi.
Già nel 2001, uno studio portato avanti dalla
State University di New York con sede ad Albany ed effettuato su 13 pazienti aveva dimostrato che esercizi di rilassamento della durata di 30 minuti, eseguiti ogni giorno per tre mesi, avevano drasticamente ridotto i sintomi psicosomatici.

Attenti a… Chi soffre di diarrea o costipazione potrebbe trovare controproducenti le asana che richiedono torsioni addominali. Dato però che in alcuni casi proprio queste posizioni sono molto benefiche, il consiglio è di ascoltare sempre il corpo e modellare la pratica in base alle proprie sensazioni.

Massimo Valz Gris – OK La salute prima di tutto, www.leiweb.it


Categorie: Yoga Hatha

Condividi il tuo pensiero