Un caso vero

jani_270404S1

Il caso vero di Prahlad Jani, uno yoghi indiano da 70 anni senza cibo, vive solo di meditazione I medici di tutto il mondo studiano lo yogi-record

Jani ha 82 anni e sostiene di nutrirsi solo di «energia» dalla meditazione, grazie allo yoga. Ora i medici indiani lo studiano per capire come possa essere perfettamente in salute

Una vita senza mangiare. Un caso talmente incredibile, che ora gli esperti hanno deciso di studiarlo. Lui è Prahlad Jani, uno yoghi indiano che sostiene disopravvivere da oltre 70 anni senza mangiare e bere. Ha 82 anni, vive da eremita in una grotta nello Stato settentrionale del Gujarat e si trova da una settimana in isolamento in un ospedale di Ahmedabad dove è sottoposto a un completo check-up che comprende la risonanza magnetica, controllo del cuore e elettroencefalogramma, altre a regolari analisi del sangue. I suoi movimenti sono sorvegliati da due telecamere fisse e una mobile.
Il canale televisivo Cnn-Ibn lo ha mostrato seduto sul letto nella classica posizione del loto, con una tunica rossa e un grosso anello d’oro al naso.
Jani sostiene di non avere mai fame o sete, di non andare mai in bagno e di nutrirsi con le «energie» provenienti dalla meditazione e da un’antica pratica yoga. L’esperimento-studio è stato organizzato da un centro medico del ministero della Difesa con l’obiettivo di capire come sia possibile per un essere umano vivere senza alcuna alimentazione. «Se riusciamo a comprendere il fenomeno, possiamo studiare delle tecniche per aiutare le persone a resistere a fame e sete» ha spiegato il direttore del Defence Institute of Physiologist and Allied Science (Dipas), aggiungendo che la tecnica potrebbe essere utile a militari e anche astronauti in missioni spaziali.
Gli scienziati della Difesa, insieme ad alcuni esperti della Nasa, avevano già cercato una spiegazione scientifica nel 2003 quando Jani fu esaminato per una decina di giorni, sempre in una camera di ospedale controllata 24 ore su 24. I medici furono sorpresi dalle capacità dello yoghi di controllare a proprio piacimento il livello delle urine. Secondo il neurologo Sudhir Shah, che ha già studiato diversi casi di digiuno prolungato tra i santoni indiani, sembra che l’ultraottantenne «sia capace di produrre urina nella sua vescica e poi, a suo piacimento, rimandarla in circolo».
Il test durerà ancora una settimana.
I medici sono sorpresi di come l’asceta, nonostante la magrezza, si trovi in ottime condizioni di salute e abbia «il cervello di un venticinquenne». Originario di un povero villaggio del Gujarat, Jani dice di aver ottenuto i suoi poteri dalla dea indù Durga. Tra la popolazione locale è considerato un «santo» e chiamato rispettosamente «mataji». Secondo gli esperti di yoga e filosofie orientali, c’è una tecnica nota come «breatarianismo» che consiste nell’assorbire tutte le sostanze vitali di cui ha bisogno un essere umano dalle «energie» dell’universo. Il digiuno è visto come un dominio della mente sul corpo.Tuttavia ci sono molti scettici, e non solo negli ambienti medico-scientifici. Il caso di Jani è stato denunciato come una bufala dall’Indian Rationalist Association, famosa per smascherare falsi guru e santoni. «È sconvolgente che il governo e anche i medici si siano mostrati così ingenui da credere che un uomo possa vivere così a lungo senza bere e mangiare» aveva scritto il presidente Sanal Edamaruku in una lettera al ministero della Difesa.

Lasciaci un commento

comments


Categorie: Yoga Hatha