Shirshasana

narayani5

E’ chiamata il re delle asana ed è una delle posizioni più conosciute dello hatha yoga, apportatrice di enormi benefici a tutto il corpo

Dal punto di vista sottile, poiché porta a vedere il mondo al contrario, serve ad aprire la mente e vincere le paure, a saper accogliere nella vita ciò che è diverso e lontano dal nostro modo di essere

Porta inoltre energia verso i centri energetici alti, soprattutto il settimo

  1. dalla posizione Balasana (del bambino) si portano a terra i gomiti, la mano sinistra afferra il gomito sinistro e la mano sinistra il gomito destro. Questo movimento serve a misurare la giusta ampiezza dei gomiti. Mantenendo i gomiti in questa posizione si intrecciano a terra le mani formando un triangolo equilatero in cui i due lati sono le braccia e le mani intrecciate sono il vertice (la base è data dalla distanza fra le braccia)
  2. Una volta fondato questo stabile triangolo su cui poggerà il corpo capovolto, poggiare la sommitàdella testa a terra, fra le mani, e l’area occipitale della testa sull’alloggio dato dalle mani
  3. Si distendono le gambe e camminando lentamente, si avvicinano i piedi alla testa fino a spostare tutto il peso del corpo sul capo
  4. Se il peso del corpo è ben sostenuto e ci si sente sicuri, si sollevano una alla volta le gambe in posizione piegata (ginocchia verso terra e piedi verso l’alto)
  5. Se l’equilibrio con le gambe flesse è stabile, distenderle e raggiungere la posizione completa
  6. mantenere la postura con respiri regolari
  7. sciogliere lentamente e con attenzione: piegare le gambe, portando le ginocchia verso la fronte e lentamente scendere a terra in Balasana
  8. rilassare poi in Shavasana, lasciando che la circolazione sanguigna prenda a fluire normalmente

Benefici: Ha un ottimo effetto sulle vertebre lombari, che trovandosi a sostenere un peso molto minore rispetto il solito, tendono a prendere una posizione ottimale e a decongestionarsi. Sulla muscolatura la fase dinamica ha un effetto di potenziamento.

L’effetto più importante è comunque sulla circolazione sanguigna. L’inversione del corpo elimina le stasi sanguigne, porta maggiori quantità di sangue in zone che normalmente hanno un afflusso ridotto. Questa asana dona così una nuova energia a tutto il corpo.

Ha un ottimo effetto sull’apparato visivo e sul cervello che possono assorbire più ossigeno grazie al maggiore afflusso sanguigno.

Grazie alla maggiore irrorazione dell’area celebrale, ha molti benefici per lo stress e affaticamento del Sistema Nervoso Centrale: allevia l’ansia e previene asma, diabete, disturbi della menopausa. È di ausilio per problemi connessi all’apparato riproduttivo

Lasciaci un commento

comments


Categorie: Yoga Hatha

Tags: