Santosa

Screen-Shot-2014-01-20-at-9.57.06-PM

rappresenta la virtù del godere del presente e dell’essere positivi.

Coltivare pensieri non negativi, vedere il lato buono delle cose, non essere pessimisti, ma praticare sempre una visione ottimistica della vita. Santosa è coltivare la gioia e la contentezza dentro di sé in quanto rappresentano doti interiori essenziali per rafforzare l’animo e perseguire nei propri scopi spirituali.
Santosa è accontentarsi di ciò che si ha e non desiderare continuamente nuove cose.
Coltivare la felicità e la equanimità d’animo anche di fronte alle burrasche della vita. Controllare l’irrequietezza, coltivare l’appagamento interiore.

Lo yogi distingue “le situazioni di vita” dalla “vita stessa”, non perdendo mai di vista l’appagamento e la serenità interiore.

Appagamento e tranquillità si hanno quando la fiamma dello spirito non vacilla nel vento del desiderio. Il sadhaka ( colui che è nel sentiero spirituale) e non cerca la pace vuota del morto, ma quella della ragione saldamente ancorata a Dio” (Iyengar)

Lasciaci un commento

comments


Categorie: Yoga Hatha