Asma e Yoga

13784

Lo yoga calma l’asma

La disciplina indù aiuta a imparare a respirare in profondità, con l’addome. Un buon rimedio per chi ha problemi di ricambio dell’aria nei polmoni
Una corretta ossigenazione è fondamentale per un asmatico, cioè una persona che ha difficoltà a fare il ricambio di aria nei polmoni a causa di una costrizione di alveoli e bronchi. La pratica dello yoga, ponendo enfasi sulla respirazione addominale in opposizione a quella toracica, insegna proprio come si possa e si debba respirare lentamente e in maniera profonda piuttosto che spesso e solo superficialmente.
«Respirando a cadenza sincopata si porta aria solo alla porzione superiore del torace e non in fondo ai polmoni, mentre inspirando in maniera profonda e alla giusta cadenza si espelle in modo più efficace l’anidride carbonica e si aumentano le riserve di ossigeno nei tessuti, con benefici sia per la mente sia per i muscoli», spiega il docente di medicina interna dell’Università di Pavia Luciano Bernardi.
Prove scientifiche. Una ricerca pubblicata dal British Medical Journal ha rivelato come 28 individui asmatici, dopo 54 mesi di pratica costante di yoga, abbiano avuto un miglioramento nel picco del flusso respiratorio, una diminuzione degli attacchi e una forte riduzione nell’ utilizzo di farmaci.

Attenzione a… Le tecniche yoga per la respirazione possono essere difficili da comprendere e da eseguire, le prime volte, dando l’impressione di accentuare, addirittura, l’asma. Ma non bisogna spaventarsi. Il respiro sincopato non fa accrescere questi problemi. Anzi, aiuta a risolverli.


Massimo Valz Gris – OK La salute prima di tutto, www.leiweb.it

Lasciaci un commento

comments


Categorie: Yoga Hatha